Login

[ajax_login]

Mozione sul Consorzio di Bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell'ambiente della Toscana.

Premesso che :

  • Sono stati inviati avvisi bonari di pagamento da parte del Consorzio di Bonifica relativi al pagamento di un tributo gravante sui proprietari di beni immobili, agricoli ed extra agricoli del Comune di Colle di Val d’Elsa

  • Il Consorzio di Bonifica è un ente pubblico economico, come confermato da numerosa giurisprudenza, e come dichiarato dal Consorzio stesso.

  • Il Comune di Colle di Val d’Elsa rientra tra i territori costituenti il comprensorio n° 21 del predetto Consorzio , a seguito della delibera del Consiglio Regionale n. 123 del 05/10/2004 , che abbraccia tre province ,Siena, Firenze,Pisa , attraversate dal fiume Elsa e nel quale rientrano 22 Comuni.

  • Tutti i proprietari di beni immobili, indipendentemente dalla loro destinazione urbana o agricola, sono consorziati e pertanto soggetti passivi del’imposizione tributaria.

  • Per come si evince dall’art.16 della legge regionale suddetta, la determinazione annuale del tributo viene calcolata sulla base dei benefici derivanti agli immobili.

Per la quantificazione ,il Consorzio utilizza i seguenti parametri:

a) Elaborazione del piano di Bonifica dove sono individuate opere, attività da svolgere e relativi costi;

b) Redazione del piano di classifica , che definisce l’incidenza del beneficio;

c) Determinazione dei piani di riparto delle spese tra tutti i proprietari di immobili secondo l’indice del beneficio.

  • Fino al’entrata in vigore della deliberazione del Consiglio Regionale n. 123 del 05/10/2004 con cui si attribuiscono le funzioni operative e gestionali sul comprensorio n. 21 “ Valdelsa “ al Consorzio di Bonifica delle colline del Chianti ,le competenze per la Bonifica sul nostro Comune erano state attribuite dalla Regione Toscana alla Provincia di Siena.

Ritenuto che :

  • La Provincia di Siena sulla base di queste competenze ha realizzato negli anni alcuni investimenti per la realizzazione di alcune opere di regimazione e prevenzione idraulica ( cassa di espansione sulla Senna , cassa di espansione sul borro degli strulli ,co-finanziamento per la cassa di espansione sullo Scarna) e solo occasionalmente anche su richiesta del Comune ,interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

  • Sono rimasti in carico al Comune gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sulle opere realizzate e sul corso d’acqua principale Elsa e sui numerosi fossi minori nonché sul Parco dell’Elsa che necessita di attenzione particolare in quanto fruito da cittadini, turisti,e scolaresche.

  • Il Consorzio di Bonifica su delega della Regione Toscana assume le competenze suddette andando a sopperire alle mancanze registrate negli anni sia per difficoltà tecniche ,organizzative ed economiche.

  • Il personale tecnico ed operativo del Consorzio da alcuni mesi ha già avviato una collaborazione con l’Amministrazione Comunale per censire le opere idrauliche esistenti e per valutare i necessari interventi di manutenzione, con progetti n. 426 427/b 429 /a consegnati ed esecutivi al competente ufficio ambiente e territorio da parte del Consorzio di Bonifica.

  • La proposta di legge della Regione Toscana n. 309 del 05/11/2008 in materia di modifiche alla legge regionale 5 maggio 1994 n.34 ( norme in materia di Bonifica) all’esame della commissione competente, già prevede l’adeguamento della normativa regionale alla legge 244/2007 ( legge finanziaria2008) al fine del contenimento dei costi in termini di gettoni di presenza e di entità numeriche nei vari consigli di amministrazione.

Chiediamo

Al Sig. Sindaco di Colle di Val d’Elsa :

  1. Di vigilare sul corretto operato del Consorzio di Bonifica per la difesa del suolo e la tutela dell’ambiente della Toscana Centrale nel rispetto della legge.

  1. Vigilare sulla giusta determinazione del tributo affinchè negli anni futuri non si verifichino maggiorazioni senza una reale motivazione.

  1. Di impegnarsi per seguire l’andamento dei lavori della commissione regionale

  1. In caso di necessità di opere idrauliche straordinarie a compartecipare alla spesa in modo da non dover gravare ulteriormente sui cittadini colligiani

  1. Di chiedere al concessionario del tributo (Equitalia) tramite il Consorzio di Bonifica di cambiare la dicitura “spese di notifica” in quanto non sono spese di notifica ma un compenso spettante al concessionario per il lavoro svolto

  1. Di chiedere al Consorzio di Bonifica, in accoglienza alle istanze di molti agricoltori, di scomputare parte del tributo per lavori effettuati dai consorziati sui terreni di loro proprietà previo accordo con il Consorzio stesso per importi che superano una certa soglia.

  1. Di rappresentare nelle sedi competenti la contrarietà di alcuni cittadini colligiani all’istituzione del Consorzio stesso.

Alla Commissione comunale competente:

  1. Di impegnarsi a seguire e monitorare il corretto andamento dei lavori previsti

dai vari progetti ,in fase di realizzazione così anche quelli futuri.

  1. Di impegnarsi ad avere da parte del Consorzio di Bonifica una costante e puntuale

informazione sui vari stati di avanzamento dei progetti in oggetto.

  1. Di chiedere qualora venissero meno i punti sopradescritti che il Comune di Colle Val d’Elsa venga estromesso dal comprensorio 21 e quindi dal Consorzio di Bonifica con richiesta di modifica alla Regione Toscana della DCR 123 del 05/10/2004.

Gruppo Partito Democratico

Gruppo Partito Delle Libertà

Gruppo Sinistra per Colle

Gruppo Partito della Rifondazione Comunista

Gruppo Lista Civica

Gruppo Unione di Centro

Gruppo indipendente

Colle di Val d’Elsa, 18 novembre 2009