Login

[ajax_login]

Oggetto: richiesta revoca della cauzione di 40 € dell’acquedotto FIORA

IL CONSIGLIO COMUNALE

Preso atto del contenuto della deliberazione n. 5 del 6.3.2009 dell’Ato 6 Ombrone, ove è previsto un deposito di 40 Euro per i soggetti che non hanno l’addebito in Banca per le bollette del servizio idrico;
Preso atto che, trattandosi di un deposito cauzionale (che logicamente e normalmente viene versato al momento della stipula del contratto allorquando l’utente viene informato dei costi del servizio quindi dell’esistenza di un deposito cauzionale e per effetto della possibilità di non versare il deposito addebitando le fatture su Banca) questo non può essere applicato retroattivamente ai contratti già stipulati;
Visto come la Deliberazione violi chiaramente la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 gennaio 1994 (in Gazz. Uff., 22 febbraio, n. 43). — Princìpi sull’erogazione dei servizi pubblici- in quanto l’art.1 prevede :. L’erogazione del servizio pubblico deve essere ispirata al principio di eguaglianza dei diritti degli utenti. Le regole riguardanti i rapporti tra utenti e servizi pubblici e l’accesso ai servizi pubblici devono essere uguali per tutti;
Visto infatti come, con l’introduzione di un deposito cauzionale a carico di chi non ha l’accredito sul conto corrente , si appalesi una evidente disparità di trattamento tra utenti ;
Rilevato altresì che un deposito di 40,00 euro non può essere un valido rimedio contro la morosità degli utenti e quindi la richiesta della somma sembri avere finalità ben diverse, ossia fare cassa a spese degli utenti ;
Ritenuto questo inaccettabile, soprattutto in un momento di grave crisi dell’economia e di difficoltà per la vita di tante famiglie;

INVITA

L’Assemblea dell’ATO 6 a revocare la Deliberazione n.5/2009;

IMPEGNA

Il Sindaco e la Giunta Comunale a rappresentare questa volontà del Comune di Colle di Val d’Elsa nelle opportune sedi istituzionali, in particolare nell’Assemblea dell’ATO.

Colle Val d’Elsa, 23/9/09

I Consiglieri Comunali

Leonardo Fiore e Letizia Franceschi